Fivefingers Vibram. La rivoluzione delle scarpe da running? Sunto di una recensione e opinione

Già l'altro ieri ne parlava Bress, che dava risalto ad un articolo di repubblica. Porto la discussione anche sul mio blog perchè l'argomento è caldo.

 

In sostanza è la rivoluzione. La Vibram, la piccola azienda italiana che le produce, vorrebbe levarci le scarpe. Una sottile membrana che avvolge il piede a mò di guanto è più che sufficiente. I nostri antenati non avevano le scarpe..correvano liberi. Le scarpe in sostanza da quel che dicono son una costrizione, che hanno snaturato la nostra naturale biomeccanica, atrofizzandoci i muscoli. Un uso di queste scarpe invece aiuterebbe ad avere i piedi più resistenti e (paradossalmente direi) diminuire il rischio di infortuni.
Non è inoltre dimostrato, dicon dalla Vibram, che l'evoluzione tecnologica delle suole e delle scarpe moderne abbia ridotto gli infortuni tra i runners.
Su Runners world di settembre ho letto di un Tizio che le ha provate e ha fatto una recensione delle fivefingers. Effettivamente la spinta, a suo dire, è differente, Il punto d'impatto lo avverte sulla parte esterna del piede, sulle dita.
Ora però va dato conto che, a fine articolo, fa la considerazione per cui le scarpe della Vibram sembrerebbero adatte a soli pochi km di percorrenza. Durante un fondo medio ha infatti iniziato a sentire un fastidio alle dita attorno al 10°km e le gambe si son affaticate. Un altro giorno in un'appoggio del piede su una roccia appuntita ha tirato un urlo. Sembra di capire che salvi le corse di ripetute o di massimo di 7/8km.
Ah, quanto costano le fivefingers? 105 euro al momento.
Vi ho fatto la parafrasi di ciò che bolle in rete sull'argomento. Ed io come mi pongo?
Assolutamente scettico. La corsa è lo sport più traumatico che esista. Quando mi è capitato di correre con scarpe consunte ecco che ho sentito fastidi ed infiammazioni. Ho poi trovato una scarpa ammortizzata e protettiva come la Nimbus e non ho avuto più problemi di sorta.
Mi sento di dar ragione al consulente medico dei New York road runners
"Correre a piedi nudi va bene per chi ha una costituzione bio-meccanica perfetta, per il restante 95% della popolazione è una ricetta sicura per finire all'ospedale"
Siamo podisti amatori, lenti e pesanti, dalla meccanica molto approssimativa. Correre scalzi forse aumenterà la sensibilità dei nostri piedi e ci farà andar un filo più veloci, ma le giunture, le articolazioni che ci sorreggono che fine faranno? Se vogliam conservar la passione della corsa a lungo nel tempo io eviterei di andarmi a fare male con certe calzature.
ps: metto una clausola di salvezza, perchè non voglio far l'ultra conservatore e magari tra un anno mi si potrebbe buggerare. Ci conviceranno a tal punto che potremmo andar in giro tutti con queste scarpe
da iniziareacorrere.com

Stampa Email

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna